Offerta Formativa

FINALITA’ EDUCATIVE DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA

La scuola dell’infanzia ha per finalità educative la formazione integrale della personalità del bambino, impegnato in un processo di continua interazione con i pari, gli adulti, l’ambiente. Più specificatamente la scuola favorisce sia l’acquisizione di capacità e competenze di tipo comunicativo, espressivo e logico, sia la maturazione e l’organizzazione delle componenti cognitive, affettive sociali e morali.

In questo quadro i bambini potranno raggiungere significativi traguardi di sviluppo in ordine:

  • all’identità
  • all’autonomia
  • alle competenze
  • alla cittadinanza
  1. a) Per quanto riguarda l’identità andranno promossi atteggiamenti di sicurezza, di stima di sé e di fiducia nelle proprie capacità. I bambini saranno stimolati a vivere in modo equilibrato e positivo i propri stati d’animo, ad esprimere e controllare i propri sentimenti e le proprie emozioni e ad essere sensibili verso quelle degli altri.
  2. b) Per giungere alla conquista dell’autonomia, andrà stimolata nei bambini la capacità di compiere scelte autonome, di interagire con gli altri aprendosi alla scoperta, all’interiorizzazione e al rispetto di sé, degli altri e dell’ambiente.
  3. c) Per quanto concerne lo sviluppo delle competenze la scuola dell’infanzia dovrà consolidare nei bambini le abilità sensoriali, motorie, linguistiche, intellettive e di riorganizzazione delle esperienze.
  4. d) Infine, sviluppare il senso della cittadinanza come scoperta degli altri, significa porre le fondamenta di un abito democratico che riconosca i diritti e i doveri e sia rispettoso del rapporto uomo-natura.

 

A) PROGETTO ACCOGLIENZA

Il Progetto Accoglienza mira a offrire un ambiente rassicurante e stimolante, con spazi e tempi adeguati di gioco, lavoro e riposo, al fine di cooperare per il benessere totale e per lo sviluppo integrale del bambino.

B) PROGETTO PSICOMOTRICITA’

La Pratica Psicomotoria è una strategia pedagogico/educativa che favorisce la maturazione psicologica del bambino attraverso il piacere di agire, restituendo al bambino e al suo movimento la naturale e fondamentale importanza emozionale ed espressiva; sviluppando un itinerario di maturazione in grado di rassicurare il bambino e facilitando una dinamica di piacere e di pensiero tramite il gioco e l’azione.

C) PROGETTO BIBLIOTECA

Nel corso della loro esperienza scolastica alla scuola dell’infanzia, i bambini hanno la possibilità di conoscere e frequentare tre biblioteche: quella presente in ciascuno dei tre plessi, Librolandia (Biblioteca d’istituto c/o scuola primaria di S. Antonio) e quella Comunale di Porcia. In questi spazi il bambino accede a libri, riviste e giornali, incontra la realtà dei simboli e vive esperienze di “lettura” e di ascolto, individualmente, in piccolo e grande gruppo.

D) MUSICA ATTIVA

È un progetto di educazione alla cooperazione: ha lo scopo di creare un clima sereno e disteso in cui ogni bambino possa vivere ed esprimere, con il corpo, il linguaggio musicale. La condizione necessaria è il rispetto del tempo di ognuno. Si inizia dall’esecuzione di brevi ritmi (2/4 o 4/4) con battute delle mani, dei piedi, delle dita e sulle gambe. L’attività prevede poi l’esecuzione di ritmi con bacchette di legno, la presentazione e l’utilizzo diretto degli strumenti musicali (piccole percussioni).

E) ACCOSTAMENTO ALLA LINGUA INGLESE

Il progetto di Lingua Inglese permette l’introduzione della lingua straniera in un’età precoce è motivata da diverse considerazioni:

  • dal punto di vista neurologico il bambino presenta un eccezionale grado di plasticità cerebrale ed una notevole capacità di assorbire più di un codice comunicativo-espressivo
  • i bambini sono molto curiosi ed interessati a tutto ciò che è nuovo e diverso
  • i bambini di età pre-scolare hanno una maggiore capacità di ripetere e assorbire i nuovi suoni e le nuove parole.

La modalità principale con cui vengono proposte le attività in lingua inglese è naturalmente quella ludica: l’approccio divertente e giocoso favorisce un apprendimento naturale e quasi inconsapevole in un’atmosfera serena e piacevole.

F) PROGETTO ACQUATICITA’

L’andare in piscina con i propri compagni è un’esperienza significativa non solo sul piano fisico, ma anche sotto l’aspetto del coordinamento e del movimento in un elemento non consueto come l’acqua, al quale occorre adattarsi.

L’immergersi nell’acqua consente al bambino di familiarizzare con l’elemento, di scoprire i modi di galleggiare, i movimenti per spostarsi e di superare la paura.

G) CONTINUITA’

Continuità Verticale

Il progetto Continuità, come il Progetto Accoglienza, serve a sviluppare un clima di integrazione, in un ambiente nuovo ed in una nuova situazione educativa, costituendo uno dei punti fondamentali dell’essere scuola e una condizione essenziale della qualità dell’istruzione.

Il nuovo ordine di scuola diventa un “luogo” accogliente e ricco di significati in modo da favorire e sostenere relazioni ed apprendimenti.

La finalità di questo progetto è favorire un passaggio graduale e sereno del bambino dalla famiglia e/o dal nido alla scuola dell’infanzia e da questa alla scuola primaria.

Continuità Orizzontale

Intendiamo con questo termine riferirci a quei rapporti che le nostre scuole, a partire da quest’anno o già da anni, hanno con le Associazioni, le Agenzie Educative e gli Enti presenti nel territorio.